Una combinazione che fa bene

Si è concluso a luglio, con grande successo di partecipazione da Piacenza e non solo, un minicircuito sponsorizzato dalle terme di Salsomaggiore e Tabiano, che ha regalato momenti di sport e benessere a oltre 450 giocatori.

II golf è sport, e come tale sinonimo di salute e, quindi, di armonia psicofisica. Giocare in percorsi immersi nella natura o con panorami mozzafiato, condividere cinque ore con gli amici, chiacchierando tra un putt e l’altro e ridendo dei propri errori, fino alla birra finale e poi alla premiazione in clubhouse: sono solo alcuni dei benefici che 18 buche possono regalare a chi vi si abbandona.

Non è un caso dunque se un circuito intitolato ‘Salute e Bellezza nel Golf” ha riscosso grande successo alla sua prima – e non ultima – edizione: un’occasione che oltre 450 giocatori hanno colto per apprezzare i valori di questo sport e scoprire i benefici delle Terme.

Le quattro gare, dall’esordio il 12 maggio al Golf Crema fino alla conclusione il 1 ° luglio a Salsomaggiore, sono state infatti sponsorizzate da Terme di Salsomaggiore e Tabiano, un vero punto di riferimento nel panorama termale internazionale grazie alle sue strutture d’avanguardia, a una clinica termale riabilitativa d’eccellenza, alla preziosissima acqua salsobromoiodica e a un’acqua sulfurea tra le più ricche d’Europa, infine grazie a linee di prodotti estetici e curativi per ogni esigenza e a due secoli di storia, arte e notorietà.

Tre i luoghi che si volevano far riscoprire grazie a questo mini circuito di quattro gare, disputate con formula 18 buche Stableford: le Terme Berzieri, le Terme Zoja e le Terme Respighi. Tre realtà del territorio di Parma e Piacenza da “sfruttare” per ottenere il massimo benessere fisico e psichico, per affrontare la vita di tutti i giorni ma anche una gara di golf.

Il primo appuntamento è stato dunque al Golf Crema e Resort lo scorso 12 maggio, dove a meritare la vittoria sono stati Claudio Pallavicini nel lordo, Nicola Coletto in prima categoria, Maria Prete in seconda e Giulio Lembo in terza. Qui, nel club 27 buche inserito nella splendida cornice rurale del Podere d’Ombriano, esempio unico di architettura agricola ottocentesca, tutti i partecipanti hanno ricevuto dei gadget ricordo della giornata e sono stati invitati alla cerimonia di premiazione e al cocktail di conclusione della serata.

Stessa formula il 9 giugno al Croara Country Club, nella Val Trebbia, con sguardo sul Castello di Rivalta: sulle 18 buche, par 72 metri 6.065, hanno dato il meglio di sé Gianmarco Colombi nel lordo, Lorenzo Cipelletti in prima categorie, Paolo Bodini in seconda ed Emilio Mondelli in terza. A premio anche le categorie di Lady e Senior oltre ai migliori nelle prove di abilità nearest to the pin e driving contest.

Se è vero che l’importante è partecipare, è anche vero che ai vincitori del primo lordo e primo netto delle tre categorie è stato consegnato un voucher per un soggiorno gratuito di tre notti e tre green fee presso l’Is Molas Resort in Sardegna, da sfruttare tutto l’anno grazie alla posizione strategica del golf: qui, a poca distanza da Cagliari, il clima è sempre mite e favorevole al gioco tutto l’anno. Ai secondi classificati è stata invece regalata la possibilità di godere gratuitamente di un programma SPA, valido per due persone, presso le Terme Berzieri, in un palazzo che è esempio unico di Art Decò Termale.

Con queste premesse ha preso il via la battaglia al Golf del Ducato di Parma, il 24 giugno, sul 18 buche inaugurato nel 1985 ai margini del parco naturale dei Boschi di Carrega: niente da fare contro Pietro Paolo Mora, nel lordo, Giovanni Tarasconi in prima, Denis Giacopinelli in seconda e Giulia Gandolfi in terza.

Infine, il I ° luglio la conclusione del circuito al Salsomaggiore Golf, recentemente ristrutturato nelle sue buche che si snodano in una valle silenziosa e spettacolare. A vincere il ticket per Is Molas sono stati Anna Taboni nel lordo e Alessio Zavorri, Daniele Marcotti e Silvana Caiola nelle tre categorie.

“Siamo soddisfatti del successo ottenuto che ha visto coinvolti molti giocatori delle province di Piacenza e Parma – ha riferito il Presidente di TST Spa Emilio Mondelli – Il progetto, che ho affidato al Croara Country Club, è stato pensato nell’ottica di un rilancio dell’offerta turistico/sportiva e culturale del territorio che va da Piacenza a Parma. Sempre di più la richiesta del turismo nazionale e internazionale sta riscoprendo territori che siano in grado di offrire un percorso integrato di turismo, gastronomia, sport e wellness anche termale. Tutto questo ritengo possa essere ben rappresentato proprio dal territorio delle province di Piacenza e Parma”.

Un ottimo presupposto perché l’edizione 2019 sia ancora più soddisfacente.

Scarica l’articolo in formato PDF

Questo elemento è stato inserito in News. Aggiungilo ai segnalibri.
  • Domenica 18 Novembre Vai in Kenya con TICKET TO PARADISE
close